sabato 23 aprile 2011

PASQUALMENTE

che periodaccio questo! Lavorloavorlavoro
nemmeno il tempo di un mini-post culinario (e invece tempo di mangiare sì, ahimè per la pancia).
ma a leggere ci riesco, sera e alba....

Ecco quello che dovevo fare giorni fa.

Uso romano primaveril-pasquale:

LA VIGNAROLA
Chiamata così perché queste piante venivano coltivate tra le vigne.

INGREDIENTI
(ve li dico all'incirca e la ricetta non è mia)
• Carciofi
• fave
• piselli
i tre in quantità + o - uguali
• cipolla un tot
• olio qb
• e sale pure
• per i non vegetariani GUANCIALE (meglio della pancetta)
cmq a me piace pure vegetariana
• prezzemolo alla fine
• spruzzo di vino bianco (più vignarolo)

PREPARAZIONE

• sgusciare fave e piselli
lo so, vi fate un po' un mazzo, ma se il tempo lo avete è piacevole... da bambina mi piaceva sgusciare i piselli con mamma o zia, mi potevo mangiare quelli più piccoli, dolcissimi... il sapore del BUON pisello crudo e zuccherino lo sento, e poi sento la sovrapposizione di quelli, oggi, spesso che sanno d'erba, e la delusione che segue. Sgusciare i piselli, seduti su sedie basse, col cartoccio e le bucce fresche sulle ginocchia, magari in compagnia, chiacchierando, è un piacere raro. Come un giorno m'accorsi che mi piaceva pelare le patate. Il tempo di un nulla mentale, concentrazione, ma minima, la testa vaga, ma non lavora. Niente musica, solo i rumori fuori, come ora che sento acciottolii, fruscii, cinguetti, ronzii anche di motori.
(la cucina era azzurra per allontanare le mosche)

Tempi in cui non avevo stress. Oggi rubare il tempo per pelare patate e sgusciare piselli mi parrebbe ancora più un dono...)

Riprendo il procedimento...

• Olio, il guanciale  a pezzetti e cipolla (affettata) van cotti con dolcezza in una bella pentola (il coccio sarebbe il top, ma io sempre consiglio quella di ghisa per questi stufati, scoperta in Francia da un amico e comprata poi dopo attenta ricerca), secondo me se qui ci mettete il vino può aiutare a non soffriggere, in ogni caso non a lungo, inutile appesantire...
• Aggiungere subito i carciofi a spicchi (attenzione ad eliminare bene le parti dure), bagnate d'acqua se vi pare, e salate un po'. Cuocere coperti.
• Aggiungere fave e piselli. salate, coprite.
• se serve bagnate d'acqua (o poco vino)
• cuocete bene, ma senza esagerare (la ricetta prevede spesso anche l'unione della lattuga, ma boh, è così buona senza)... una mezz'ora? No, anche meno! :)
• infine una bella tritata di prezzemolo (io la mentuccia ce la metterei sempre, appena un'idea, ma non sarebbe sempre prevista, è una fissa mia).
Mangiarla calda, tiepida o fredda. Possibilmente felici.

Un grazie a Luciana, che la fa buonissima e mi ha passato le istruzioni per l'uso :)

10 commenti:

  1. Anche mia moglie fa questa ricetta ma senza fave.
    Io sono romano ma le fave mi piacciono poco, solo quelle piccole e con il pecorino (romano).

    Tanti auguri di una serena Pasqua,
    Andrea.

    RispondiElimina
  2. e io quelle fave che sbucciavo ieri le ho fatta proprio oggi con i piselli..mannaggia laurè,me tocca a me de venitte a trovare a roma...

    RispondiElimina
  3. e nooo, le fave ci vogliono! mannaggia!

    RispondiElimina
  4. Ma allora dillo che siamo anime gemelle! Io la vignarola la faccio sempre a primavera, è uno di quei piatti che serve a segnare il passaggio delle stagioni, come il Montblanc in autunno. Io uso la ricetta della Campana:
    cuocio separatamente i piselli e le fave, i piselli con il prosciutto e le fave col guanciale. A parte cuocio i carciofi con la cipolla, olio e vino bianco, e quando sono avanti con la cottura aggiungo la lattuga. A fine cottura unisco piselli e fave e faccio insaporire con una punta di burro.
    Mi hai fatto commuovere. La vignarola, cavolo.

    RispondiElimina
  5. lo ammetto! non conoscevo la VIGNAROLA. E non mangio la carne da oltre 15 anni...e i carciofi li adoro, ci faccio pure il m'ama non m'ama sfogliandoli... e i piselli sono la cosa che consumo di più.. e una volta iniziato a mangiare le fave non riesco a smettere come fossero pistacchi..
    Vignarola, dove sei stata fino a ora?

    RispondiElimina
  6. @marzipan, sei una raffinata!!! ci dobbiamo bere sto caffè assieme :)
    @ma, lieta di averti fatto conoscere uno dei piatti belli della cucina romana, assieme a minestra d'arzilla e cacio e pepe ne è la punta di diamante, altro che gricia e carbonara! ;)

    RispondiElimina
  7. Aggiunta: ma ho capito bene? Arriva il libro? Dacci notizie, plz.

    RispondiElimina
  8. @marzipan, sì ^^ libro lo chiudo lunedì, poi tempi stampa ecc... librone di caffeacolazione (non con tutto, ovvio, ma tanto) :) coniglioeditore, ovvio....

    RispondiElimina
  9. Librone di caffeacolazione fico!

    RispondiElimina
  10. sìsì, vista oggi pure la copertina :)

    RispondiElimina